Comunicazione di servizio: il blog non è più attivo e aggiornato dall'11 aprile 2013

Informo che la pubblicazione di nuove interviste è al momento sospesa a causa del poco tempo a disposizione per seguire il blog come meriterebbe, mi dispiace...
Invito comunque gli utenti a navigare sulle pagine alla ricerca di interessanti interviste, ad esempio questa (postuma) a Mario Giacomelli.

Mi scuso per l'inconveniente con gli affezionati lettori e (spero) a presto!
Ricerca personalizzata

venerdì 19 ottobre 2012

Fotografi nel web #172: Matteo Turina



Matteo Turina: chi è?
Un ragazzo sui trent... (quasi quarant.) anni, con tanta voglia di mettersi in gioco e divertirsi, sicuramente non un professionista, ma semplicemente un appassionato che si è avvicinato alla fotografia, pasticciando ritratti, stortando orizzonti, tagliando gambe e teste, spinto da un'iniziale passione della semplice conservazione dei ricordi, fino ad un'evoluzione di voler rappresentare ciò che vedo, ciò che incontro, ciò che vivo.. cercando di lasciarne traccia nelle mie foto.

Quando hai iniziato a fotografare?
Seriamente? Mai!Diciamo che fin da adolescente avevo la mia macchinetta fotografica, una vecchia Yashica automatica a pellicola, che utilizzai per pasticciare i miei primi ricordi… con un po’ più di spensieratezza ed impegno con il mio primo vero viaggio… Ricordo ancora di aver acquistato una macchina, una compatta digitale dell’Olympus, in società con la mia fidanzata dell’epoca, proprio per l’evento, e di aver approfondito al massimo il suo utilizzo con tutte le funzioni possibili per aver “il miglior tramonto possibile”, l’agognata immagine sognata da tutti i fotografi in erba e che non manca mai nella collezione di tutti i viaggi di tutti i parenti ed amici!!! Ecco, lì è scattata la molla della passione fotografica, carriera però bruscamente interrotta a seguito rottura fidanzamento e conseguente sequestro della macchinetta digitale… Ma non mi sono arreso, solo un anno dopo sono riuscito nell’intento di continuare a  tediare la parentela, grazie ad un nuovo acquisto per il lieto evento della nascita del 1° figlio… da lì in poi è stato un crescendo con la fotografia fino a conoscere perfettamente tutte le funzioni della mia Coolpix… ma non è tutto… Nel mentre di una dura sessione fotografica dei miei primi tramonti, bimbi ripresi dall’alto e quant’altro possa annoiare terribilmente, due miei cari amici notano un paio di fotografie, niente di speciale, ma qualcosa li colpisce, fino al punto di spingermi a comprare la prima reflex suggellando così il mio matrimonio con la fotografia... in fondo avranno pensato che sotto la dura scorza di questo pessimo foto-appassionato qualcosa di buono si poteva tirar fuori…

Quale genere ti piace maggiormente fotografare? 
Senza ombra di dubbio il ritratto, penso che sia la forma di fotografia con la quale mi trovo più a mio agio, che mi viene più istintiva e spontanea, quando ritraggo una persona cerco sempre di coglierla in momenti in cui non faccia caso a me per carpire al massimo la spontaneità, difficile ma secondo me la migliore forma di fotografia raccontare una persona. Sto approfondendo anche altri generi, fra i quali il paesaggio ed i reportage, che adoro, ma sono ancora in fase di studio, ho preparato tre piccoli reportage pubblicati dal portale di fotografia Micromosso:
http://www.micromosso.com/forum/viewtopic.php?t=5747
http://www.micromosso.com/forum/viewtopic.php?t=6027 
http://www.micromosso.com/forum/viewtopic.php?t=6204

Hai fatto qualche corso di fotografia?
No, ma mi piacerebbe molto, anzi se vuoi caro Libero sono disponibile per un work shop! Scherzi a parte, purtroppo il tempo per me è sempre troppo poco, avendo una piccola impresa artigiana sono sempre al lavoro e mi è difficile, per ora, riuscire ad approfondire anche se leggo molte riviste e libri specializzati. Prima o poi so che dovrò farlo, perché secondo me, se apprendi bene le regole, puoi finalizzare meglio la tua arte, la tua maestria, il tuo istinto fotografico.

Quali sono i fotografi del passato e del presente che più apprezzi?
Sto ancora studiando ma sicuramente Ansel Adams, Robert Capa, H.C. Bresson, per il passato al maschile, mentre al femminile Dorothea Lange, che esprime un genere di reportage a cui sono molto affezionato... Per quanto riguarda la fotografia moderna sicuramente Bryan F. Peterson, David Alan Harvey, Steve McCurry.

Che attrezzatura fotografica hai usato nel passato, e quale stai attualmente utilizzando?
Come scritto, usavo una vecchia Yashica automatica, una macchina indistruttibile per me, l’ho portata ovunque, ha fatto il militare dai Monti di Vipiteno al mare siciliano, alle varie gite scolastiche, alle ferie con i genitori, nonostante la trattassi come un ferro vecchio non mi ha mai tradito! Poi sono passato ad una compattina della Nikon, la Coolpix L1, per un paio d’annetti con un’entry level sempre Nikon, la D3000 con 2 obbiettivi Nikkor: un 18-105 f3,5-5,6 (il mio tuttofare comodo in qualunque situazione) ed un 70-300 f4,5-5,6 (il tele per i miei ritratti da lontano). Ora possiedo una D7000 nuova di fiamma per avere una macchina maggiormente performante.

Quali sono gli scatti ai quali sei particolarmente legato?


Ho parecchi scatti a cui sono legato, ma questi due sono la scintilla del mio accrescimento fotografico, quando il mio "Mentore fotografico"  li ha visionati mi ha spinto a comprare un’attrezzatura più consona all’uso a cui mi dedicavo, mi ha spronato a scattare di più e in condizioni diverse, mi ha dato fiducia (anche troppa a volte), mi ha sgridato e criticato (giustamente) e mi ha iniziato alle regole base della fotografia, facendo crescere in me la passione che ora condividiamo.


Quali sono i tuoi progetti attuali e quali quelli per il futuro?
Avevo un progetto fotografico da svolgere in Ucraina per dipingere al meglio la gente del luogo e l’ho appena sviluppato nel portfolio indicato prima, un’idea che avevo in mente da quasi un annetto e che con la complicità delle persone del posto sono riuscito a portare a termine.


Ora per il futuro ho un’idea ancora un po’ allo stato embrionale ma se riesco a coinvolgere un mio caro amico penso ad una serie di ritratti un po’ particolari, vedremo…

Hai mai esposto le tue immagini in mostre fotografiche personali o collettive?
Sì, ed è una delle cose che preferisco perché, grazie a queste, ho conosciuto persone splendide, con cui ho vissuto meravigliosi momenti di giovialità, in particolare l’esperienza di Rio Magno in quel della Versilia sulla fine di giugno appena passato, quelle di Lucca a maggio di quest’anno e novembre dello scorso anno dove, grazie al Circolo Fotografico MicroMosso, ho avuto la possibilità di mostrare i miei lavori, ma soprattutto incontrare altri autori con cui condividere e discutere idee, pareri ed esperienze, accrescendo così il mio bagaglio fotografico ma soprattutto allacciando nuove amicizie, che proseguono in alcuni casi oltre la mera fotografia…
http://www.micromosso.com/forum/viewtopic.php?t=4790
http://www.micromosso.com/forum/viewtopic.php?t=5878

Hai mai avuto riconoscimenti in concorsi fotografici o pubblicazioni delle tue foto su libri o riviste?
Libero magari! …sono ancora all’inizio, anche se l’idea è molto allettante ne ho di strada da fare... per ora qualche foto del giorno sul web in alcuni siti.

Quanto tempo dedichi alla fotografia?
Sempre troppo poco di quello che mi piacerebbe, ma non si possono avere giorni di 28 ore?

Raccontaci qualche episodio curioso o simpatico legato alla tua esperienza.
Ahi ahi, vuoi sapere di quando delle guardie penitenziarie accorsero lungo il recinto e mi puntarono e mi intimorirono perché volevo degli scatti per un contest intitolato “confini”, e mi misi a fotografare la cinta della prigione di Brescia, oppure ultimamente per strappare un paio di foto ad un amico riottoso il convincimento mi è costato una di bottiglia di vodka (con mio grande dispiacere ;-)) o di quando il mio amico\modello\assistente per assecondare la mia foglia di still life in pieno inverno si è fatto una doccia di acqua fredda in quanto lo scatto multiplo della D3000 è molto lento e quel rullino di farsi riprendere nel modo giusto non ne voleva sapere…

Quando rivedi i tuoi vecchi scatti cosa pensi?
Faccio come Fantozzi alla vista di sua figlia Pina… oddio che mostri… No scherzo, taluni li guardo con molto più senso critico e ne riconosco facilmente gli errori, altri anche se cannati li guardo con affetto, sono comunque i miei primi passi...

Dove sono pubblicate, sul web, le tue foto?
Mi piacerebbe avere un sito tutto mio ma per ora va bene così, visito i vostri ;-) Mi trovate a giocare qui http://www.fotocontest.it/profilo.php?id=12847 (sotto falso nome). Potete andare sull’internazionale cercandomi su http://pix.ie/ukraino dove, sempre sotto mentite spoglie, mi diverto a confrontarmi con amici virtuali Irlandesi (sito conosciuto attraverso al mia grande passione per la Guinnes). Ma se posso dare un consiglio il meglio lo trovate su MicroMosso sito a cui sono molto legato grazie al quale sono cresciuto veramente, e dove sono riuscito a conoscere anche persone splendide…

Un pensiero a chi si avvicina ora al mondo della fotografia.
Primo: studiare, leggere le regole fotografiche ma anche il libretto di istruzioni della nostra macchina, a volte non lo sappiamo ma la tecnologia ci serba molte sorprese utili alla nostra creatività; secondo: provare e riprovare senza demordere; terzo: condividere e lasciarsi criticare con molta umiltà, è solo scoprendo i nostri errori che possiamo migliorarci…

 Fotografie: © Matteo Turina
 
Vuoi concludere con un saluto o un ringraziamento?
Certo che sì! Il primo ringraziamento a mia moglie che pazienta un sacco per questa mia passione, ed ai miei figli che mi sopportando facendo da modelli. 
A Sandro e Roberto amici da una vita, sostenitori dei miei primi passi nonché insegnanti sulle prime regole di base. 
A Carlolong e Nicola L. amici prima nel web poi nella vita, apportatori di consigli e di insegnamenti, sia fotografici che di postproduzione, nonché consiglieri di letture adeguate alla mia scarsezza. 
Allo staff ed agli amici di MicroMosso, persone vere e sincere che con le loro disamine mi hanno aiutato tantissimo, in particolare (ma non se la prenda chi dimentico, siete tutti compresi) Caterina, Antonio P., Fiorella, Saro, Ivana, Susanna, Luigi, Gigi, Marco Furio, Lucia, Antonella, Donato, G.T., Raffaele. 
Ed in ultimo, ma non per importanza, a te Libero che mi hai donato pazienza e spazio...
p.s. ma c’hai così tanti gigabyte da buttare per far scrivere uno scarsone come me? :-)

Le interviste ai "Fotografi nel Web" sono una rubrica del blog: Dentro al Replay